Carburanti, il prezzo non accenna a diminuire: la verde a quota 1.84 euro al litro

Nonostante il prezzo del greggio non sia cresciuto negli ultimi giorni, non accenna a diminuire il prezzo dei carburanti in Italia. Il prezzo dei carburanti resta molto alto, fra i più elevati d’Europa, con picchi in centro Italia che raggiungono quota 1.84 euro al litro per quanto riguarda la benzina. Ma la forbice fra gasolio e verde si è assottigliata, così anche chi fa il pieno di gasolio è costretto a spendere di più. Da più parti arriva la richiesta al Governo di eliminare alcune accise dal costo dei carburanti: togliendo alcune accise, il prezzo dei carburanti potrebbe finalmente scendere, permettendo agli automobilisti italiani di ricevere una ottima boccata d’ossigeno. Basti pensare che fra aumenti del greggio e accise, il prezzo del gasolio nel 2011 è aumentato del 26%, una quota spaventosa. La situazione è preoccupante: se già adesso la benzina ha superato la quota di 1.80 euro al litro, con eccezioni in diverse parti d’Italia, dove la benzina ha un prezzo addirittura maggiore, non è lontano immaginare una benzina a quota due euro nei prossimi mesi. C’è lo spettro dell’aumento dell’Iva: il primo ottobre entrerà in vigore una norma che aumenterà il peso dell’Iva, che crescerà del 2%, aumentando dal 21 al 23%. Questo aumento comporterà inevitabilmente una crescita del prezzo dei carburanti, che dunque potrebbe già superare quota due euro al litro, poco dopo la stagione estiva.

Pietro Gugliotta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.