Usa, maxi multa per Toyota: “Pagheremo”

Era stato un annuncio choc quello del Ministero dei Trasporti USA e dell’NHTSA, che nei giorni scorsi hanno combinato una multa di circa 12 milioni di euro, 16.4 milioni di dollari, alla casa automobilistica giapponese Toyota. Annuncio choc perchè si tratta della più alta multa emessa dagli Usa nei confronti di una azienda che costruisce automobili.
La multa era arrivata perchè la casa giapponese è stata accusata di aver nascosto dei difetti di alcuni modelli. L’NHTSA, l’ente americano federale che si occupa della sicurezza dei trasporti, aveva anche spiegato che la multa non solleva la Toyota da eventuali cause legali intentate di cittadini che potrebbero aver avuto problemi o incidenti a causa delle malfunzioni delle vetture giapponesi.
Infatti il problema di queste vetture riguarda l’acceleratore: venivano fuori delle accelerazioni non volute su vetture Toyota e Lexus . Un problema non da poco che ha costretto la casa giapponese a richiamare le vetture già a fine 2009 e nei primi mesi di quest’anno.
Adesso gli esperti di marketing della Toyota dovranno rimboccarsi le maniche per riuscire a fare una buona pubblicità per far si che l’azienda riesca a rientrare dei danni provocati dai problemi di acceleratore di alcune vetture, che costringeranno la casa giapponese a pagare una multa record. Penso che chiunque, alla notizia della mega multa, abbia pensato che la Toyota prima potesse fare ricorso. L’ammissione di colpe invece testimonia la serietà e la maturità della casa giapponese che ammette che chiaramente qualche problema d’accelerazione non voluta c’è stato e per questo è giusto che si paghi una multa, anche se così alta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.