Unrae, nel 2011 mercato dell’auto ancora in calo

Il 2010 è stato un anno molto negativo per il settore dell’auto: le vendite, o per meglio dire, le immatricolazioni di nuove vetture sono in grande calo e dunque si spera che il 2011 possa essere un anno migliore. Secondo le previsioni dell’Unrae, l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, non sarà così: nel 2011 infatti ci sarà una contrazione nelle vendite di nuove vetture, pari al 5.6%. Dunque se la cifra di questo 2010, porta a quota 1.960.000 vetture immatricolate, il prossimo anno – secondo le stime Unrae – dovremmo vedere 1.850.000 auto immatricolate. E’ chiaro che questo calo delle vendite va a danneggiare un settore molto ampio come quello automobilistico: la filiera è molto ampia, si passa dagli operai, per giungere ai proprietari di autosaloni. E’ vero che – come sottolinea il presidente dell’Unrae, Loris Casadei -in questi ultimi anni, le società automobilistiche hanno lavorato moltissimo sotto l’aspetto della sicurezza e delle norme anti inquinamento. Ma è chiaro che serve qualcosa in più per rilanciare il settore: secondo Casadei andrebbero valutati bene tre punti. “Promozione di politiche per migliorare sicurezza e rispetto ambientale, adeguamento della rete viaria alle nuove esigenze di trasporto e armonizzazione fiscale basata sul reale utilizzo dei veicoli, ossia l’abolizione della tassa di possesso”. Su questi tre punti l’Unrae spinge per il rilancio del mercato dell’auto nel 2011.

Pietro Gugliotta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.