Toyota, nuova campagna di richiamo per 6 milioni di veicoli

toyotaLa casa costruttrice giapponese Toyota si sta preparando ad una nuova campagna di richiamo. Come annunciato dallo stesso costruttore, saranno oltre 6 milioni i veicoli interessati a questa campagna di richiamo. Notizia dunque non incoraggiante per i possessori delle vetture coinvolte: si tratta di 6.390.000 veicoli, distribuiti in tutto il mondo. Saranno interessati 810 mila veicoli in Europa, oltre 2.3 milioni in Nord America, 62 mila unità in Cina e oltre 1.8 milioni in Giappone. E’ il secondo richiamo per coinvolgimento di vetture nella storia di Toyota, dopo il richiamo dell’ottobre 2012 che coinvolse 7.43 milioni di auto del costruttore giapponese. Questa campagna di richiamo vede diversi difetti all’interno del parco auto Toyota, vediamo nel dettaglio quali sono i motivi di questa campagna di richiamo.
Difetto alla guida dei sedili: instabilità della seduta, riguarda 2.3 milioni di auto costruite fra il gennaio 2005 e dicembre 2010.
Piantone dello sterzo: l’eventuale rotazione dello sterzo, se ripetuta con grande intensità, potrebbe portare l’instabilità della staffa del piantone dello sterzo. Per questo problema sono coinvolte 760 mila auto costruite fra settembre 2005 e febbraio 2009.
Cavo a spirale difettoso: se il cavo è danneggiato, potrebbe accendersi la spia dell’airbag, disattivando quest’ultimo. 3.5 milioni di auto sono interessate da questo problema, per un totale di 16 modelli costruiti fra aprile 2004 e dicembre 2010.
Avviamento del motore. Il relè del motorino di avviamento è difettoso, va sostituito: 20 mila esemplari, costruiti fra marzo 2012 e agosto 2013, saranno coinvolti.
Foro di scarico dell’acqua: questo problema comporta la sostituzione del motorino dei tergicristalli anteriori, coinvolgendo 160 mila auto costruite fra agosto 2005 e febbraio 2008.
Da Toyota fanno sapere che non sono stati registrati incidenti causati dai difetti rilevati dalla casa automobilistica, dunque la campagna di richiamo sarà avviata a scopo preventivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.