Stati Uniti: il 2010 dell’auto è positivo, +11.1%

Arrivano ancora bilanci dall’anno 2010: stavolta è il turno del bilancio del mercato dell’auto degli Stati Uniti. Se in Europa non si sorride molto, c’è sicuramente da stare più allegri in America. Infatti il 2010 è stato un anno abbastanza positivo, che ha visto l’immatricolazione di 11.588.783 vetture, divise in maniera piuttoto equa fra automobili e truck, con quest’ultimo genere che prevale (50.2% degli acquisti). Un aumento dell’11.1% rispetto al 2009, e con lo stesso dato (+11.1%) fatto segnare dal mercato dell’auto americano nel mese di dicembre. Molto bene le case americane: la General Motors guadagna il 7.2% rispetto a dodici mesi fa, molto bene Ford (in aumento del 19.5%), mentre la crescita più interessante è quella della Chrysler che guadagna “solo” il 16.5%, ma supera la quota di un milione di auto vendute. Bene le marche europee, con Volkswagen che fa segnare + 20.9%, mentre delude la giapponese Toyota (- 0.4%), la peggiore delle marche asiatiche, che fanno segnare tutte rialzi in doppia cifra (da segnalare la Honda con +21% e Hyundai + 23.7%). Molto bene tutte le case automobilistiche di lusso, tranne la Volvo che è l’unica in difficoltà (- 12.2%). Le previsioni per il 2011 sembrano rosee: nel giro di due anni le vetture vendute saliranno a 15 milioni l’anno, con un primo step che vede la fine del 2011 con 12.5 milioni di auto vendute, con un importante valore di vetture ibride, almeno il 3%.

Pietro Gugliotta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.