Nuovo Codice della Strada 2010, ecco le nuove regole

E’ quasi un anno che si lavora al Nuovo Codice della Strada. Dopo le prime modifiche riportate qualche mese fa dalla Camera dei Deputati, adesso è il turno del Senato. Dunque siamo all’ultimo step prima che il disegno di legge diventi una legge vera e propria. Ecco quelle che al momento sono le novità piu rilevanti:

1) Stop alla patente con 3 infrazioni gravi: proprio così, con tre gravi infrazioni, avrà il ritiro definitivo della patente. Dunque chi dimostra con la sua condotta di guida di rappresentare un pericolo per i cittadini è giusto che sia messo in condizione di non nuocere più (tale soluzione è la più drastica, la quale non permetterà di riavere la patente anche rifacendo i quiz patente).
2) Giovani, tolleranza zero: intanto chi possiede il patentino A del motore, potrà ottenere il foglio rosa a 17 anni. Ma nei primi tre anni di patente, le sanzioni e le sospensioni sono molto più lunghe rispetto ad ora. Multe piu severe per guida in stato di ebrezza.
3) Aumentano multe e limiti di velocità: verrà innalzato a 150 km/h il limite di velocità dove è presente il Tutor, ma verranno anche aumentate le multe per chi corre in auto: un esempio, da 500 a 2.000 euro.
4) Autovelox: i comuni non saranno direttamente interessati dal guadagno degli autovelox, posti solo in strade extraurbane e a 1 km dal segnale di Autovelox. Inoltre il 50% degli introiti dalle multe degli autovelox va reinvestito nel miglioramento del manto stradale.
5) Ciclisti col “giubbino”: così come gli automobilisti, i ciclisti che girano fuori dai centri abitati e in galleria dovranno indossare il giubbotto catarifragente.
6) Animali: chi investe un animale e non presta soccorso (da ora obbligatorio) può incorrere in sanzioni da 78 a 1.559 euro.
7) Multe pagabili a rate: per tutte le sanzioni economiche superiori ai 400 euro (per chi ha un reddito inferiore a 10.628 euro) si potrà chiedere una rateizzazione delle multe fino a 60 rate.

Pietro Gugliotta

1 Commento su Nuovo Codice della Strada 2010, ecco le nuove regole

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.