Maggio, immatricolazioni ancora in flessione

Continua il periodo negativo del mercato italiano dell’auto. Anche il mese di maggio è stato un mese negativo: i dati delle immatricolazioni hanno fatto segnare un -13.79% di nuove vetture in meno, rispetto a maggio 2009. Le immatricolazioni di maggio sono state 163.700: in questi dati possiamo fare una distinzione per marca. Male la Fiat: pessimo risultato per l’azienda torinese, che perde il 29,83% di immatricolazioni rispetto allo scorso anno, quantificabile in numeri con 48.489 vetture in meno. Oltre il gruppo Fiat (che comprende anche Lancia e Alfa Romeo) il segno negativo colpisce anche la Ford, con un -19,47%, e la General Motors che perde il 20,30%. Male non solo l’Italia dunque, ma anche altre azienda. Al contrario, sorridono la Renault e la Volkswagen: l’azienda francese ha fatto segnare un aumento del 21,4%, mentre la casa d’auto tedesca ha segnato un +25,45%. Ancora dati positivi per il gruppo PSA, ossia la Citroen e la Peugeot che fanno segnare un risultato positivo, ma non sui livelli dei “cugini” francesi della Renault: infatti per la PSA il dato fa segnare un +5,67%. All’interno del settore auto, sorride la vendita di auto usate. Infatti ci sono state ben 390.467 trasferimenti di proprietà di auto usate: il dato, in fase percentuale, assume la valenza di +11.03% rispetto allo scorso maggio 2009. Tornando alle nuove immatricolazioni, il dato è palesemente negativo: ormai la fine degli incentivi e la crisi mondiale che sta imperversando, anche in Italia ovviamente, sta mettendo in crisi questo settore.

Pietro Gugliotta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.